Le tartarughe marine sono molto minacciate a Capo Verde
 
e pur essendo una specie protetta non si è fatto ancora abbastanza per proteggerle quando vengono sulla spiaggia per deporre le uova.
 
Il governo nell’Isola di Sal, in prima linea per contrastare questo fenomeno, impiega soldati per pattugliare le spiagge ma fondi e personale scarseggiano e molte tartarughe continuano ad essere uccise. In collaborazione con il WWF sono state realizzate alcune azioni di segnalazione, misurazione e monitoraggio dei nidi ma, finora, non è ancora stato possibile fare un censimento nazionale e coordinato, né un programma di ricerca.
La circolazione di motoaquattro sulle spiagge sono la causa del 70% di nidi inefficienti
 
Predazione  di nidi
Tartarughe come animali da compagnia
 
Le tartarughe vengono uccise nella forma più brutale per la loro carne. Vengono girate, le pinne strappate e poi trascinate sulle spiaggia fin dietro le dune, dove, ancora vive, vengono private della carne. Le uova il più delle volte vengono abbandonate e sparse sulla spiaggia. In alcune spiagge la mortalità è del 100%.
Le variazioni di luminosità provocano disorientamento
Tartarughe in cattività usate come “attrazioni” turistiche illegali
Immondizia sulle spiagge
Estrazione illegale di materiali di costruzione
La minaccia più grave è tuttavia lo sviluppo massiccio di questo tipo di pratica per soddisfare la domanda dei resorts turistici e appartamenti